Praforte e il Ciaurlec

Praforte

Ci sono segnali di rinascita, tra le rovine del borgo abbandonato di Praforte, raggiungibile per sentieri o in auto. Mentre gran parte degli edifici in sasso con ballatoi in legno crollano invasi dalla vegetazione, alcuni vengono ristrutturati.
Alla metà degli anni Sessanta, gli abitanti del borgo alle pendici del Monte Ciaurlec, a 350 metri s.l.m., sono stati evacuati con la motivazione di una frana incombente e sono stati trasferiti a Paludea, vicino al Municipio, in un nuovo quartiere chiamato Praforte Nuovo. Il vero motivo però era la trasformazione in poligono militare del Ciaurlec e il rischio era che le case venissero colpite durante le esercitazioni. Ora la montagna non è più zona militare e se ne possono percorrere i sentieri.

Scopri le altre meraviglie

Stretta di Pinzano
Pinzano al Tagliamento

La Stretta di Pinzano

All’indiscussa bellezza del paesaggio, la Stretta di Pinzano unisce caratteri di interesse scientifico di respiro nazionale. Per questo è annoverata tra i geositi della Regione Friuli Venezia Giulia

Maggiori informazioni
Chiesa San Rocco
Montereale Valcellina

La Chiesa di San Rocco

Fuori dal centro abitato, sulla strada che porta verso la stretta di Ravedis, si trova la Chiesa di San Rocco, circondata dal cimitero. È uno spazio, questo, da secoli dedicato al culto religioso: poco distante infatti è stata rinvenuta una piccola ara votiva del I secolo a.C., dedicata alla divinità fluviale Temavus.

Maggiori informazioni
Menocchio Aldo Colonnello
Montereale Valcellina

Il Menocchio, mugnaio eretico

Il mulino preso in affitto da Domenico Scandella detto Menocchio a fine Cinquecento si trova sulla riva destra del Cellina, poco più in basso rispetto alla Chiesa di Santa Maria, oggi di San Rocco.

Maggiori informazioni