Chiesa di Collemonaco

Chiesa di Colle Monaco

A Celante di Castelnovo, percorrendo un ripido sentiero, si raggiunge la Chiesa di Collemonaco, dedicata a San Daniele. La prima costruzione risale al Trecento. Distrutta dal terremoto del 1976, è stata ricostruita e la nuova torre campanaria racchiude tre campane, dalla storia avventurosa, testimoni dell’attaccamento al borgo e alla chiesa degli abitanti di Celante. Le prime due campane sono state acquistate a fine Ottocento, per iniziativa e grazie ai sacrifici specialmente delle donne, che raccoglievano denaro vendendo uova al mercato. Così si è raggiunta la somma necessaria a pagare la fonderia De Poli di Udine e nel 1894 anche la chiesetta di Celante ha avuto le sue campane.
Durante l’occupazione delle truppe austro tedesche nella Grande Guerra, grazie a un trucco, la popolazione è riuscita a salvarle dalla confisca, sotterrandole e falsificando le carte. Superata anche la Seconda Guerra Mondiale, però, le mitiche campane rischiavano di essere portate via dopo il crollo della chiesa e del campanile nel terremoto. Ancora una volta, sono stati i celantini a volerle tenere a Collemonaco. È stata fatta una raccolta fondi e molte persone hanno contribuito sia economicamente sia con il proprio lavoro alla ricostruzione dell’edificio in cemento armato antisismico. La nuova chiesa è stata inaugurata nel 1991. Alle due campane, se n’è aggiunta una terza, del 1925, proveniente dal campanile di San Carlo a Paludea.
La vicenda è narrata nel dettaglio nel libricino Le campane di Collemonaco, a cura di Giorgio Galante e Cristina Zannier, 2003.

Scopri le altre meraviglie

Casera Rupeit piedi sui luoghi
Montereale Valcellina

Coi piedi sui luoghi

Una fitta rete di sentieri ben segnati si allarga sul territorio di Montereale Valcellina, comprendendo le frazioni e i tanti luoghi di interesse culturale, storico e naturalistico.

Maggiori informazioni
Roiello Pellegrin
Montereale Valcellina

Il roiello del Pellegrin

L’acqua corrente viene portata a San Leonardo Valcellina nel 1837 grazie all’intuizione di un contadino del luogo, Giovanni Antonio Dell’Angelo, detto il Pellegrin. Prima c’era la “laguna”, una pozza stagnante e malsana, alimentata dalle piogge, al centro della piazza.

Maggiori informazioni