Il Sacrario Germanico

Il Sacrario Germanico sul Col Pion

Per decenni, chiuso al pubblico in quanto spazio militare e poi ricoperto di vegetazione, il Sacrario sul Col Pion è stato un oggetto misterioso per gli stessi abitanti di Pinzano al Tagliamento. Solo a partire dagli anni Duemila, si è cominciato a cercare informazioni su quest’architettura scenografica, con una vista spettacolare sul fiume e sulle montagne. Grazie al volontariato locale, poi, l’edificio è stato liberato dalla vegetazione ed è entrato a far parte del paesaggio.

Qui dovevano trovare riposo i resti dei caduti tedeschi nella Battaglia del Tagliamento del 1917. Il progetto dell’architetto Robert Tischler rientrava nel disegno più ampio dell’associazione tedesca per la sepoltura dei soldati morti in guerra, la Volksbund Deutsche Kriegsgräberfürsorge. Il lavori sono iniziati nel 1939 e non si sono mai conclusi a causa dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale.

Oggi questo luogo è al centro di un nuovo progetto partecipato che coinvolge la popolazione. Come presso i resti del Castello Savorgnan, anche la pulizia del Sacrario è affidata alle caprette dell’azienda agricola locale Capramica.

Oltre la strada, scendendo un sentiero scosceso, si raggiunge un punto allestito per l’osservazione del paesaggio e, proseguendo verso il greto del Tagliamento, si trovano i resti della Casa della Barca.

Scopri le altre meraviglie

Palazzo Toffol Montereale Valcellina
Montereale Valcellina

Museo Archeologico in Palazzo Toffol

I luoghi in cui sorge Montereale Valcellina sono abitati da almeno tremila anni: le più antiche testimonianze di insediamenti umani risalgono infatti al XIV secolo a.C., la cosiddetta Età del Bronzo. Sono di questo periodo alcune spade riemerse dalle ghiaie del Cellina, forse a carattere votivo, legate al culto per il torrente o per una divinità legata all’acqua.

Maggiori informazioni