La fâvria

La fâvria

La fucina, fâvria, dove il fabbro realizzava gli attrezzi in ferro che servivano per le attività quotidiane, si può visitare in via Roma, grazie al recente recupero e valorizzazione dell’edificio. Qui venivano prodotti coltelli, forbici, pinze, martelli, tenaglie, asce, pale, falci, ronconi, serrature, maniglie, lucchetti, chiavi, ferri per animali, candelieri e alari per il focolare.

Per la fâvria passa il sentiero dei vecchi mestieri. Il percorso parte dal piazzale antistante il chiosco Al Pical, risale il torrente Ledròn, dove operavano due mulini e un battiferro, raggiunge appunto la fâvria, per scendere al torrente Susaibes, presso due fornaci restaurate. Proseguendo lungo il torrente Alba, si sbuca al ponte di ferro e si rientra chiudendo l’anello.

Scopri le altre meraviglie

Palazzo Toffol Montereale Valcellina
Montereale Valcellina

Museo Archeologico in Palazzo Toffol

I luoghi in cui sorge Montereale Valcellina sono abitati da almeno tremila anni: le più antiche testimonianze di insediamenti umani risalgono infatti al XIV secolo a.C., la cosiddetta Età del Bronzo. Sono di questo periodo alcune spade riemerse dalle ghiaie del Cellina, forse a carattere votivo, legate al culto per il torrente o per una divinità legata all’acqua.

Maggiori informazioni