La strada Regina Margherita

La strada Regina Margherita

A fine Ottocento l’unica strada di una certa importanza arrivava fino a Casiacco, per il resto la viabilità era costituita solo da alcune mulattiere e sentieri. La carreggiabile da Casiacco e Anduins e Vito d’Asio, prolungata nel 1901 fino a Clauzetto, è stata costruita tra il 1878 e il 1882.

Tra il 1889 e il 1891, poi, anche grazie al contributo del Conte Giacomo Ceconi viene completata la tratta da Anduins a Pielungo, dedicata alla Regina Margherita, seguendo dall’alto il percorso del torrente Arzino: è una strada molto panoramica, piacevole da percorrere in bicicletta (di recente sono state installate le colonnine per la ricarica delle e-bike presso il Bar Trattoria Da Renzo).

Il trasporto delle merci fino alla costruzione della carreggiabile era effettuato a spalla o a dorso di mulo, poi su carri trainati da cavalli e dagli anni Venti del Novecento con mezzi motorizzati.

Scopri le altre meraviglie

Menocchio Aldo Colonnello
Montereale Valcellina

Il Menocchio, mugnaio eretico

Il mulino preso in affitto da Domenico Scandella detto Menocchio a fine Cinquecento si trova sulla riva destra del Cellina, poco più in basso rispetto alla Chiesa di Santa Maria, oggi di San Rocco.

Maggiori informazioni
monumento ai caduti Montereale Valcellina
Montereale Valcellina

Monumenti ai Caduti

A Malnisio il Monumento ai caduti con la solenne statua rappresentante l’Italia viene inaugurato il 4 novembre 1925 nella piazza antistante la chiesa, ma poi è ultimato solo nel 1933. Per fare spazio a quest’opera viene spostata la fontana del paese.

Maggiori informazioni