Le fontane

Le fontane: un elemento centrale della vita di un tempo

Le fontane, fino all’arrivo dell’acqua in casa, erano un elemento centrale nella vita quotidiana: erano luoghi di aggregazione, dove si portava ad abbeverare il bestiame e si andava a prendere l’acqua per cucinare e per lavarsi. A Clauzetto, sedici fontane sono state recuperate grazie al progetto Gli itinerari ritrovati nelle Prealpi Carniche, realizzato con il sostegno dell’Unione Europea. Tra queste, vi segnaliamo il Pucìt, costruita nel 1907 e utilizzata come lavatoio, la fontana di Triviât, risalente al 1910, e quella del Nujaruç, a base esagonale, realizzata nel 1915. Situata in posizione centrale, era frequentata principalmente per uso domestico.

Oggi, circondata da panchine e affacciata sulla pianura, rappresenta un nuovo punto di incontro per chi vive e chi visita Clauzetto.

Scopri le altre meraviglie

Roiello Pellegrin
Montereale Valcellina

Il roiello del Pellegrin

L’acqua corrente viene portata a San Leonardo Valcellina nel 1837 grazie all’intuizione di un contadino del luogo, Giovanni Antonio Dell’Angelo, detto il Pellegrin. Prima c’era la “laguna”, una pozza stagnante e malsana, alimentata dalle piogge, al centro della piazza.

Maggiori informazioni
Casera Rupeit piedi sui luoghi
Montereale Valcellina

Coi piedi sui luoghi

Una fitta rete di sentieri ben segnati si allarga sul territorio di Montereale Valcellina, comprendendo le frazioni e i tanti luoghi di interesse culturale, storico e naturalistico.

Maggiori informazioni