L’Arzino tra pozze e cascate

L'Arzino tra pozze e cascate

Il torrente Arzino è uno degli ultimi corsi d’acqua alpini che conserva un’elevata naturalità. I suoi 28 km sono quasi interamente compresi nel Comune di Vito d’Asio. Sorge ai piedi del monte Teglara, in località Fontanon e attraversa la Val di Preone con una serie di cascate spettacolari, costeggiate da un sentiero facilmente percorribile a piedi (attenzione solo a non scivolare – sentiero delle cascate).

Il torrente, ancora incuneato nella valle, passa accanto al borgo di Pozzis e si apre all’altezza di San Francesco. Raccoglie alcuni affluenti laterali, si allarga nelle splendide pozze di Curnila, diventate ormai un popolare luogo di balneazione (sono state menzionate anche dal Financial Times tra i migliori posti per il wild swimming). L’Arzino con la pendenza riprende velocità, per rallentare a Casiacco, prima di confluire nel Tagliamento presso la Stretta di Pinzano.

Scopri le altre meraviglie

Menocchio Aldo Colonnello
Montereale Valcellina

Il Menocchio, mugnaio eretico

Il mulino preso in affitto da Domenico Scandella detto Menocchio a fine Cinquecento si trova sulla riva destra del Cellina, poco più in basso rispetto alla Chiesa di Santa Maria, oggi di San Rocco.

Maggiori informazioni
Roiello Pellegrin
Montereale Valcellina

Il roiello del Pellegrin

L’acqua corrente viene portata a San Leonardo Valcellina nel 1837 grazie all’intuizione di un contadino del luogo, Giovanni Antonio Dell’Angelo, detto il Pellegrin. Prima c’era la “laguna”, una pozza stagnante e malsana, alimentata dalle piogge, al centro della piazza.

Maggiori informazioni
Montereale Valcellina

Ferrovia Pedemontana

Percorrere la linea ferroviaria pedemontana Sacile-Gemona permette di attraversare paesaggi, corsi d’acqua e ambienti molto suggestivi, aperti sulla pianura e affacciati sui primi rilievi dell’arco alpino.

Maggiori informazioni