Grotte di Pradis

Le Grotte di Pradis, monumento della preistoria importante in Europa

È nelle zone di confine, come la pedemontana friulana, passaggio tra montagna e pianura, che si trovano i più antichi insediamenti umani. In questi luoghi ricchi di risorse naturali, i nostri più lontani antenati hanno trovato riparo e protezione.

Le grotte carsiche sull’Altopiano di Pradis, di varia grandezza e profondità, situate lungo la forra del torrente Cosa, sono state oggetto di diverse campagne di scavo a partire dagli anni Settanta e continuano ancora a rivelare indizi affascinanti. Grazie ai più recenti ritrovamenti, nella Grotta del Rio Secco, è possibile affermare che, tra 60 e 40mila anni fa, i cacciatori-raccoglitori Neanderthal frequentavano queste zone.

A Pradis le ricerche iniziarono dopo che alcuni speleologi locali ritrovarono nelle Grotte Verdi resti di orso delle caverne, di marmotta e di manufatti paleolitici in selce, durante lo svuotamento delle cavità voluto del parroco di allora, Terziano Cattaruzza.

Tra il 1970 e il 1971, il paleontologo dell’Università di Ferrara Giorgio Bartolomei, su richiesta della Soprintendenza alle Antichità di Aquileia, condusse tre campagne di scavo nelle Grotte Verdi. Poi, a lungo, le ricerche si interruppero.

Nel 2001 fu inaugurato il Museo della Grotta, a partire dalla raccolta permanente nata a opera del Gruppo speleologico di Pradis. L’esposizione museale inizia con la ricostruzione in pelo e una ricomposizione dello scheletro di un orso delle caverne.

Nel 2002 ripresero gli scavi nelle Grotte del Clusantin e del Rio Secco e proseguirono fino al 2017, con alcune scoperte esaltanti. Nel 2013 fu ritrovata una falange probabilmente di un’aquila reale: la sua estrazione, secondo gli esperti, aveva implicato l’utilizzo di uno strumento manuale e questa deduzione apriva la strada a una serie di ipotesi. Per i Neanderthal l’artiglio aveva qualche funzione pratica oppure serviva a fini ornamentali? Ci potrebbero essere legami con l’arte piumaria dei nativi d’America o di altre popolazioni più vicine a noi?

Nelle grotte di Pradis si trovano anche reperti più recenti, che rimandano ai primi rappresentanti della nostra specie, Homo sapiens, in queste terre, 30mila anni fa.

Per maggiori informazioni: www.grottedipradis.it

Scopri le altre meraviglie

Stretta di Pinzano
Pinzano al Tagliamento

La Stretta di Pinzano

All’indiscussa bellezza del paesaggio, la Stretta di Pinzano unisce caratteri di interesse scientifico di respiro nazionale. Per questo è annoverata tra i geositi della Regione Friuli Venezia Giulia

Maggiori informazioni