Il roiello del Pellegrin

Il roiello del Pellegrin

L’acqua corrente viene portata a San Leonardo Valcellina nel 1837 grazie all’intuizione di un contadino del luogo, Giovanni Antonio Dell’Angelo, detto il Pellegrin. Prima c’era la “laguna”, una pozza stagnante e malsana, alimentata dalle piogge, al centro della piazza.

Il Pellegrin, studiando la pendenza del Cellina, trova un modo ingegnoso per scavare un roiello capace di superare l’ostacolo dell’alta scarpata del torrente, alta venti metri. Lo fa da solo, scavando per ventisette mesi, fino a riuscire nell’incredibile impresa. Il roiello funziona fino ai primi del Novecento, quando per San Leonardo passa lo scarico delle centrali idroelettriche prima di Malnisio, poi di Giais. Il canale raggiungerà anche la centrale del Partidor, proprio a San Leonardo.

L’ingegnosa opera del Pellegrin è ricordata in un cippo alla memoria lungo il Cellina.

Scopri le altre meraviglie

Chiesa San Rocco
Montereale Valcellina

La Chiesa di San Rocco

Fuori dal centro abitato, sulla strada che porta verso la stretta di Ravedis, si trova la Chiesa di San Rocco, circondata dal cimitero. È uno spazio, questo, da secoli dedicato al culto religioso: poco distante infatti è stata rinvenuta una piccola ara votiva del I secolo a.C., dedicata alla divinità fluviale Temavus.

Maggiori informazioni
Palazzo Toffol Montereale Valcellina
Montereale Valcellina

Museo Archeologico in Palazzo Toffol

I luoghi in cui sorge Montereale Valcellina sono abitati da almeno tremila anni: le più antiche testimonianze di insediamenti umani risalgono infatti al XIV secolo a.C., la cosiddetta Età del Bronzo. Sono di questo periodo alcune spade riemerse dalle ghiaie del Cellina, forse a carattere votivo, legate al culto per il torrente o per una divinità legata all’acqua.

Maggiori informazioni